Confindustria Vicenza
  • Attività\Visite Aziendali
Home>>Attività\Visite Aziendali>>Report della visita a Taplast - 21 aprile 2010
Report della visita a Taplast - 21 aprile 2010



Eccellenza a tutto campo, perseguita con tenacia e creatività, voluta anche nella riduzione degli effetti inquinanti; management internazionale, gestione delle persone e dell’assetto finanziario accorte e vicinanza al cliente a 360°, organizzazione snella e vicino ai mercati di sbocco.
Le ricette di Paolo Santagiuliana, AD di Taplast Spa, sono espresse con così tanta passione e con grande dote di sintesi che fanno apparire tutto facile. La disponibilità e la cortesia nel raccontarsi hanno contagiato tutti i partecipanti all’ultima visita aziendale organizzata dal Gruppo Giovani Imprenditori all’impresa di Povolaro di Dueville che produce tappi in plastica. Quest’ultima definizione potrebbe apparire poco esaustiva di quanto realizza, in verità, l’impresa vicentina.<br>
In effetti la produzione spazia in molti settori del contenitore in plastica, da quelli utilizzati nell’alimentare a quelli per il settore delle cure personali o dei prodotti per l’uso domestico. Produzione che concerne il semplice tappo a vite e i ben più complessi dispenser. Ed è proprio in questa tipologia di prodotto che Taplast vanta numerosi riconoscimenti ed è titolari di brevetti mondiali. In terra vicentina, infatti, ha visto origine il primo e unico dispenser senza parti in metallo. E la cosa non è di poco contro perché riduce il peso e la quantità di prodotti da smaltire, con benefiche ricadute per l’ambiente. <br>
Ma è soprattutto lo sviluppo costante della ricerca e lo stimolo all’innovazione continua che consente a Taplast di essere preferita da molte multinazionali nei confronti dei competitors, anche di quelli che producono nelle più conveniente regioni del globo. Ci sono poi scelte di localizzazione strategica alla fornitura alla clientela, che esige tempi di produzione e consegna molto ristretti, che hanno consentito all’impresa vicentina di raggiungere quote di mercato significative. Mercato che rimane per il momento incentrato nell’europa, ma che già si sta ampliando ai paese emergenti dell’oriente e si sta rafforzando nel continente americano.<br>
E’ stata una carrellata a tutto tondo e un confronto su tutti i campi della gestione d’impresa, che la numerosa compagine di Soci ha vissuto con grande interesse e apprezzamento. Anche per lo stretto legame tra ricerca del minor impatto ambientale possibile, sviluppata in termini di riduzione di emissioni di CO2 rispetto alle pompe che utilizzano molle in metallo, e riconoscimento dell’eccellenza da parte della clientela.<br>
Vincoli tra attenzione all’ambiente, piuttosto che alla responsabilità sociale d’impresa o alla cultura, e il mondo d’impresa che sempre più si stanno affermando come elementi qualificativi e di apprezzamento per i consumatori finali. Argomenti che il Gruppo Giovani Imprenditori sta proponendo assertivamente da sempre nei percorsi formativi proposti e che hanno visto, nelle pubblicazioni edite per il 50° di fondazione del Gruppo celebrato lo scorso 6 novembre, il confluire delle medesime tesi da parte di tutti gli attori del sistema territorio.<br>
Una conferma, quindi, che la strada intrapresa è quella vincente.